Volkswagen I.D. R Pikes Peak: l’importanza di essere leggera

Volkswagen I.D. R Pikes Peak

Il prototipo elettrico Volkswagen I.D. R Pikes Peak è stato appositamente costruito per affrontare la cronoscalata più famosa al mondo e la caratteristica fondamentale è la sua leggerezza, con un peso Volkswagen I.D. R Pikes Peak inferiore a 1.100 kg pilota incluso, peso batterie ridotto grazie alla limitazione della potenza a 500 kW e approfondito lavoro di simulazione al computer per accelerare lo sviluppo.

Tutto è iniziato dalla simulazione

Prima di assemblare la I.D. R Pikes Peak, abbiamo utilizzato il computer per analizzare molte configurazioni diverse – dice Willy Rampf, consulente tecnico con una lunga esperienza in Formula 1, ricordando come è cominciato lo sviluppo dell’auto per la Pikes Peak International Hill Climb. Ci era chiaro che non avremmo avuto tempo di costruire vari esemplari di prova. Dovevamo riuscire al primo tentativo.

Gli esperimenti si sono concentrati sul trovare l’equilibrio ottimale tra prestazioni e peso. In un’auto elettrica come la I.D. R Pikes Peak, i due fattori sono correlati in maniera ancora più stretta che in un’auto da competizione con motore a combustione interna. A grandi linee, più elevate sono le prestazioni, Volkswagen I.D. R Pikes Peak più pesanti saranno le batterie. Tuttavia, ogni grammo in più è di troppo e questo vale in particolare per le cronoscalate. Alla Pikes Peak, le auto devono affrontare un dislivello di oltre 1.400 metri, dalla partenza a 2.862 fino all’arrivo situato a 4.302 metri sul livello del mare.

Romain Dumas, al volante della I.D. R Pikes Peak, dovrà inoltre affrontare una serie di tornanti in cui un’auto pesante sarebbe un problema, sia in frenata sia in accelerazione.

Quindi, gli ingegneri della Volkswagen Motorsport hanno fatto in modo che la I.D. R Pikes Peak fosse il più leggera possibile, pur mantenendo prestazioni di livello elevato. Questa strategia è in linea con le regole della cronoscalata statunitense che per la categoria “Unlimited” garantiscono letteralmente una libertà illimitata.

Carta bianca per la squadra di sviluppo

Poter partire dal proverbiale foglio bianco per realizzare un’auto da competizione da zero è il sogno di ogni ingegnere.

Sviluppare un’auto solo e soltanto per questa cronoscalata di 20 chilometri è una sfida davvero speciale. In teoria, non c’era nessun limite all’innovazione degli ingegneri – dice François-Xavier Demaison, Direttore Tecnico della Volkswagen Motorsport. 

La simulazione ha avuto un ruolo determinante nel raggiungimento del peso ridotto dell’auto – spiega Rampf.

Volkswagen I.D. R Pikes Peak Per esempio, sono stati utilizzati computer per progettare parti del telaio in modo che fossero in grado di resistere senza problemi a sollecitazioni predeterminate, pur senza essere sovradimensionate o troppo pesanti. Tuttavia, la squadra di sviluppo ha fatto quasi totalmente a meno dei soliti e costosi materiali utilizzati nelle competizioni automobilistiche di alto livello, come il titanio.

Il telaio, le sospensioni e la struttura di sicurezza della I.D. R Pikes Peak sono quasi completamente di acciaio e alluminio – dice Demaison.

Ciononostante e pur generando una potenza massima di 500 kW (680 CV), l’auto pesa meno di 1.100 kg pilota compreso, molto poco rispetto ai modelli che hanno registrato il record per la categoria elettrica alla Pikes Peak. Le prestazioni relativamente contenute hanno permesso di collocare i pacchi batteria della I.D. R Pikes Peak accanto e dietro al guidatore, assicurando così una perfetta distribuzione dei pesi. Le batterie forniscono energia per i motori elettrici all’asse anteriore e posteriore, con la coppia che viene distribuita elettronicamente.

Il perfezionismo arriva ai loghi degli sponsor sulla tuta da gara

Il telaio e i componenti aerodinamici della I.D. R Pikes Peak sono realizzati in un composito di fibra di carbonio e Kevlar estremamente leggero. Una delle sfide nella progettazione era integrare elementi di design della I.D. Family – la futura gamma di auto elettriche della Volkswagen – nel design esterno del modello da competizione.

In questa fase dello sviluppo, abbiamo lavorato a stretto contatto con i nostri colleghi di Wolfsburg – ricorda Willy Rampf.

Volkswagen I.D. R Pikes Peak Anche l’abitacolo della I.D. R Pikes Peak, una struttura monoscocca, è in leggerissima fibra di carbonio. Il grado di attenzione alla leggerezza dei progettisti si può notare persino nell’equipaggiamento del pilota. Il partner tecnologico OMP ha realizzato la tuta ignifuga di Dumas, l’imbottitura del sedile e le cinture di sicurezza in un materiale particolarmente leggero.

Persino i loghi degli sponsor sono stampati sulla tuta, in modo da risparmiare il peso delle toppe tradizionali.

Tuttavia, i perfezionisti della leggerezza della Volkswagen Motorsport si sono dovuti arrendere su un punto: i regolamenti della Pikes Peak International Hill Climb impongono che ciascun pilota debba indossare un grande emblema dell’evento, di circa 40 cm2, sulla tuta da gara. Il piano era di stampare anche questo logo sulla tuta di Dumas.

Hanno rifiutato la nostra proposta. Secondo i regolamenti, deve essere cucito. Il filo che viene utilizzato per farlo pesa quasi quanto l’intera tuta – dice il Direttore Tecnico Demaison ammiccando.

Di seguito il video dello sviluppo della I.D. R Pikes Peak:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.