E se dal Salone di Ginevra la Formula E diventasse campionato mondiale?

Felix Rosenqvist (SWE), Mahindra Racing, Mahindra M4Electro. Photo: Zak Mauger/LAT/Formula E

Ore e ore di aereo dietro le gare di Formula E ti permettono di pensare – quando non si riesce a dormire – e nei pensieri del ritorno tra Città del Messico e Milano si è fatto ricorrente quello della promozione della Formula E allo status di Campionato Mondiale.

E’ che miglior occasione mondiale quella del Salone di Ginevra per svelare la nuova macchina e nel contempo annunciare questa promozione a Campionato Mondiale?

Attualmente ci sono soltanto cinque campionati mondiali, ovvero il Campionato Mondiale di Formula 1 (Formula 1 World Championship), il Campionato Mondiale Rally (World Rally Championship – WRC), il Campionato Mondiale Endurance (World Endurance Championship – WEC) – il Campionato Mondiale Turismo (World Touring Car Championship – WTCC) ed il Campionato Mondiale Rallycross (World Rallycross Championship – WRX).

Essere campionato mondiale non è soltanto una dicitura, ma implica anche l’ottemperare diverse e ben precise regole che non escludono nemmeno l’aspetto economico.

Electric Motor News è convinta che la Formula E diventerà campionato mondiale e lo diventerà molto presto.

Cosa serve per diventare Campionato Mondiale

Photo: Sam Bagnall/LAT/Formula E
ref: Digital Image DSC_5272

Per diventare Campionato del Mondo una categoria deve vedere coinvolti almeno quattro costruttori.

In Formula E sono coinvolti sei grandi costruttori quali Audi, BMW, DS Automobiles, Jaguar, Mahindra, Renault; ma anche uno piccolo nati per sviluppare le auto elettriche quale Nio.

Nella prossima stagione Renault verrà rimpiazzata per Nissan, ma la quantità di costruttori non cambia e sono in arrivo Mercedes Benz e Porsche come già annunciato.

Quindi Formula E soddisfa ampiamente questo punto.

Alejandro AgagPer diventare campionato mondiale le gare devono svolgersi in almeno tre continenti.

La Formula E nella presente stagione ha già corso o prevede di correre in Asia (Hong Kong), Africa (Marrakesh), Sudamerica (Santiago del Cile e Punta del Este), Nordamerica (Messico e New York) ed Europa (Roma, Parigi, Zurigo e Berlino). In totale cinque continenti o se proprio vogliamo unificare America come un solo continente, sono quattro in totale.

Di conseguenza anche questo punto viene soddisfatto.

Ma non solo, in tutta la sua storia, Formula E ha sempre corso almeno in tre continenti.

Riguardo la presenza della FIA in Formula E è ben nota, non solo durante le verifiche Mexico City ePrixtecniche ed amministrative di piloti e vetture, ma anche perché la FIA è l’ente che omologa il circuito dove si svolge ogni gara e la stessa FIA ha coinvolto la Formula E non soltanto nel programma Road Safety puntato ad incrementare la sicurezza sulle strade di tutto il mondo,  ma anche nel programma Sustainable Mobility all’interno del quale si svolge Smart Cities, ovvero le conferenze organizzate in sede di gara di Formula E dove si parla della problematica del traffico e la mobilità all’interno delle città.

Infine, la presenza in molte occasioni del Presidente della FIA Jean Todt, non è un puro caso. E’ risaputo il forte impegno di Todt nella creazione e lo sviluppo della Formula E ed insieme ad Alejandro Agag hanno lavorato in sintonia per portare ad una crescita incredibile in solo tre anni.

Nella conferenza stampa della gara di apertura di Pechino 2014, Alejandro Agag ha detto: “Siamo nella preistoria della Formula E. Questa è la prima gara ed è come se fosse l’anno 1950 della Formula 1, quando è stata organizzata la prima gara a Silverstone, ma la quinta stagione dovrebbe essere quella della svolta, quando si correrà tutta la gara con una sola vettura”

Sarà fantascienza oppure potrebbe esserci la promozione della Formula E a Campionato Mondiale nell’annuncio di Ginevra?.

Lo scopriremo tra poche ore.

#MarceloPadin #TheEMNTeam

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.