Le cinture di sicurezza delle vetture di Formula E

Sedili Formula E

Le vetture di formula E sono dotate di cinture di sicurezza a quattro punti e sulle bretelle superiori sono dotate di sensori di tensionamento costruiti dalla Prodrive per garantire che la cintura sia correttamente allacciata e regolata.

I sensori sono tarati in modo da scattare quando viene raggiunta una pressione di circa 13kg tra la cintura ed il pilota.

Sedili Formula EIl funzionamento dei sensori è ottenuto usando un semplice meccanismo in modo da aumentarne l’affidabilità, una molla calibrata viene compressa e quando la pressione è sufficiente un microswitch si chiude ad indicare che la cintura è tesata in maniera opportuna.

Quando i due  sensori sono entrambi  attivati si accende la luce blu sul muso dell’auto ad indicare che il pilota è in sicurezza. La stessa informazione viene ripetuta al volante e in telemetria.

L’informazione è trasmessa in maniera continua per permettere di controllare se nascono dei problemi alle cinture. Ad esempio per prevenire che un pilota in rientro ai pit cominci ad allentare le cinture prima di essersi fermato all’interno dei box.

Sedili Formula ELa luce blu permette anche ai commissari FIA di capire se un pilota può uscire dal box dopo aver fatto il cambio auto.

Le bretelle inferiori invece non sono dotate di sensori di tensione, quindi non è possibile sapere se sono correttamente allacciate e tensionate ne guardando l’auto ne dalla telemetria.

Attorno al sedile sono presenti le cinghie colorate per permettere la extrication del pilota in caso di incidente. Con queste cinghie è possibile rimuovere in blocco unico il sedile e il pilota in modo che il sedile protegga la colonna vertebrale da ulteriori traumi.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*