Volkswagen comincia il conto alla rovescia per la produzione del primo modello I.D.

Volkswagen I.D.

100 settimane all’avvio della produzione

A Wolfsburg, il “MEB Supplier Summit” istituisce un innovativo accordo di cooperazione con i fornitori

Il CEO Diess: “I preparativi per entrare nella nuova era della mobilità elettrica sostenibile sono già a buon punto”

Fonte: Volkswagen Group Italia

Verona, 4 dicembre 2017. La più grande rivoluzione tecnologica e di prodotto nella storia della marca Volkswagen sta finalmente prendendo forma. 100 settimane prima che inizi la produzione del primo modello della gamma I.D., al Volkswagen I.D.“MEB Supplier Summit” il Consiglio d’Amministrazione della Marca ha concordato con i principali fornitori le tappe fondamentali della preparazione della produzione. Il primo veicolo basato sulla nuova piattaforma modulare elettrica (MEB) sarà la compatta 100% elettrica Volkswagen I.D. che, dalla fine del 2019, verrà costruita nello stabilimento di Zwickau, in Sassonia.

Insieme ai suoi colleghi del Consiglio d’Amministrazione e ai Dirigenti dei principali fornitori, il Presidente della marca Volkswagen Herbert Diess ha firmato un accordo di collaborazione per assicurare un avvio di produzione ottimale.

Volkswagen I.D.Diess: “I nostri preparativi per entrare nella nuova era della mobilità elettrica sostenibile sono già a buon punto. In questo progetto industriale unico nel suo genere, vogliamo lavorare tutti insieme per essere sicuri che l’Europa sia al vertice nella corsa globale verso la e-mobility. Per questo Zwickau diventerà il più grande centro europeo per la mobilità elettrica. Ciò ci permetterà di scrivere un nuovo capitolo nella storia dell’automobile”.

In cinque anni, le Marche del Gruppo Volkswagen lanceranno in tutto il mondo un totale di 32 modelli basati sulla nuova piattaforma. Diess ha sottolineato le dimensioni del progetto:

“Siamo determinati a diventare i leader. Entro il 2022, la sola marca Volkswagen offrirà più di 20 modelli 100% elettrici e nei prossimi cinque anni investirà circa 6 miliardi di Euro nella e-mobility”.

Volkswagen I.D.Il Responsabile degli Acquisti Ralf Brandstätter ha spiegato:

“Finora, più di 100 fornitori sono già stati inclusi nella struttura della nostra offensiva elettrica. Ciò che ritengo importante è che oggi inizia un nuovo tipo di cooperazione tra i nostri fornitori e la Volkswagen: stiamo coinvolgendo le migliori aziende nello sviluppo del progetto I.D. in maniera molto più intensa e in una fase decisamente più precoce”.

Per l’introduzione dei veicoli basati sulla piattaforma MEB, la Volkswagen è fortemente impegnata nell’approccio del value sourcing, in cui i fornitori si confrontano per contribuire con le proprie idee a delle soluzioni tecniche migliori nei momenti iniziali dello sviluppo. Brandstätter:

“Il valore aggiunto viene dalla cooperazione molto più stretta e allo stesso livello tra partner, e porta a un beneficio reciproco”.

Già nel 2020, più di 100.000 veicoli Volkswagen saranno costruiti sulla piattaforma MEB, ha detto il Vicepresidente della gamma e-Mobility Christian Senger:

“Siamo riusciti a ridurre significativamente la complessità del progetto I.D. e ad accorciare i tempi di progettazione di 11 mesi. La nuova architettura veicolo, la guida autonoma e i temi della rete e dei servizi richiederanno un contatto molto più stretto con tutti i partner e i fornitori. Il piano di produzione è già stato stabilito e ora dedicheremo tutte le nostre energie a eseguirlo tutti insieme”.

L’architettura elettrica MEB è fortemente orienVolkswagen I.D.tata verso la mobilità digitale a zero emissioni del futuro ed è stata completamente sviluppata da zero. I principali componenti sono motori elettrici con diversi livelli di potenza, innovative batterie piatte collocate sotto il pavimento e funzioni software avanzate, come illuminazione intelligente e head-up display con realtà aumentata, in precedenza disponibili solo su modelli premium.

La Volkswagen I.D., l’I.D. BUZZ e la I.D. CROZZ sono i primi membri della gamma di modelli che verranno introdotti dal 2020 a intervalli ridotti.

La nuova generazione di veicoli verrà lanciata in Europa, Cina e negli USA.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*