Richiamo di 123mila Tesla Model S per difetti allo sterzo

Tesla

Tesla ha comunicato che richiamerà 123mila vetture Model S costruite dal 2012 ad aprile del 2016 per sostituire i bulloni nelle unità del servosterzo.

La società ha detto che i bulloni potrebbero corrodersi nelle auto usate sulle strade dove vengono utilizzati sali di calcio o di magnesio per sciogliere il ghiaccio.

TeslaLo sterzo della Model S non fallirebbe anche se il bullone si tagliasse, dice Tesla, ma lo sforzo richiesto per girare il volante aumenterebbe.

Tesla definisce l’azione come un “richiamo volontario” e ha osservato che il problema era stato osservato solo in una piccola parte dei 123mila veicoli, meno dello 0,02%, ovvero circa 25 automobili.

La società ha rivelato il problema in una e-mail inviata ai possessori di Model S, secondo un rapporto dello scorso giovedì del Wall Street Journal. Il problema è stato anche affrontato da molti altri punti vendita.

In particolare, sono interessate le 123mila vetture elettriche Model S costruite da luglio 2012 fino ad un importante aggiornamento del mese di aprile 2016. I veicoli Model X non sono coinvolti.

Questo è il maggior numero di veicoli Tesla ad essere coinvolto in ogni singolo richiamo; la società sta arrivando a un totale di 300mila auto costruite da quando ha iniziato la produzione nel 2008.

TeslaAltri richiami volontari hanno coinvolto 90mila veicoli con un potenziale problema nelle cintura di sicurezza, richiamate nel 2015 e 53mila auto un anno fa per un guasto nel freno di stazionamento.

Non ci sono stati feriti o incidenti dovuti a questo componente – scrive Tesla nella sua e-mail ai proprietari – nonostante abbia accumulato oltre un miliardo di miglia di guida.

Questo rende l’auto più difficile da guidare a basse velocità e per il parcheggio in parallelo – ha continuato – ma non influenza materialmente il controllo ad alta velocità, dove è richiesta solo una piccola forza del volante.

Tesla ha detto che il suo centro di assistenza di Montreal aveva notato prima il problema, suggerendo che fosse dovuto al sale stradale che portava alla corrosione.

Il fornitore dei ricambi pagherà il costo dei nuovi bulloni e il servizio richiesto per sostituirli.

L’azienda sta ora lavorando duramente per aumentare la produzione della berlina Model 3 ai livelli promessi, con un target di 2.500 vetture a settimana che uscirà dalle sue linee di assemblaggio entro questa settimana.

Tesla rilascerà i suoi totali di produzione e consegna del primo trimestre poco dopo l’inizio del nuovo trimestre, domenica 1 aprile.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.