I “Garabugi” compiono un anno a emissioni zero

Garabugi

“Garabugi” è l’acronimo di Garavaglia e Bugini, il cognome di marito e moglie che da anni si sono impegnati in prima persona nella promozione della mobilità a emissioni zero, usando delle vetture Garabugielettriche (Smart, Twizy e Zoe) per gli spostamenti quotidiani e alimentandole con un impianto fotovoltaico che hanno installato nella propria abitazione della bassa bergamasca.

Il 31 dicembre hanno compiuto un anno di mobilità a zero emissioni e puntualmente hanno stilato un bilancio economico, che Electric Motor News ha deciso di pubblicare con la loro autorizzazione.

Dal bilancio si evince che l’abbinamento del fotovoltaico, accumulo di energia e utilizzo di vetture elettriche funziona benissimo, nonostante la diffidenza molte persone e la mentalità che è difficile da cambiare.

Il bilancio delle emissioni zero

GarabugiEcco i numeri del bilancio energetico ed economico di Eugenio Garavaglia e Silvia Bugini, dal 1° gennaio al 31 dicembre 2017.

Produzione da FV 6 kWh 6860kWh

Immissione in rete nazionale 1936 kWh

Prelievo dalla rete nazionale 2322 kWh

Energia autoconsumata 4953 kWh

Riguardo il consumo energetico del fabbisogno famigliare, i “Garabugi” dicono:

L’autoconsumo ci ha permesso di risparmiare una bella cifra sui consumi, calcolando un costo medio di 0,25 al kWh ci ha permesso un risparmio di 1.238,25 euro.

Con le nostre 3 auto elettriche abbiamo percorso 43.018km quasi tutti nei nostri spostamenti quotidiani ma anche con circa una decina di viaggi extra regione.

L’accumulo domestico da 6 kWh ci ha dato un considerevole aiuto a ridurre il prelievo dalla rete. Considerando che nel 2017 abbiamo inserito la Zoe (che nel 2016 non avevamo) abbiamo ridotto il prelievo di 755 kWh e aumentato l’autoconsumo di ben 1.934kWh.

La conclusione

GarabugiCon tutti questi numeri ci si arriva ad una conclusione, che i “Garabugi” con il loro consueto modo pacato di esprimere i propri pensieri hanno segnalato, senza dimenticare diverse problematiche che si possono presentare in ciascuna famiglia ed in ogni abitazione.

Il mio pensiero è che molte famiglie potrebbero fare la stessa cosa con investimenti mirati a ridurre i consumi da fonti fossili – ha detto Eugenio Garavaglia – certo è che non tutti abbiamo le condizioni ottimali per fare questo e ci sono molteplici e complessi i motivi per non farlo.

Comunque rimango dell’idea – ha aggiunto Silvia Bugini – che ognuno di noi debba per forza di cose impegnarsi a fondo per ridurre il proprio impatto sul pianeta perché la nostra piccola goccia insieme a tutte le altre piccole gocce riempiono il mare.

La famiglia di Eugenio Garavaglia, Silvia Bugini ed i figli Carlo e Gloria si muovono da diversi anni con le vetture elettriche. La prima arrivata in famiglia è stata la Smart Electric Drive, alla quale poi si è aggiunta la Renault Twizy e l’ultima arrivata è la Renault Zoe.

 

2 Commenti

  1. Grazie Marcelo, siamo proprio felice che tu scriva questo di noi, che il nostro esempio sia di aiuto a chi ancora ha dei dubbi.
    Grazie di cuore

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*